Jan 062016
 
Fuck You Prof

Quando si parla di commedia demenziale, sicuramente la memoria cinefila rimembra subito un film apripista del genere come Animal House (National Lampoon’s Animal House, 1978) di John Landis. Dalla fine degli anni ’70 ad oggi non sono di certo mancati numerosi (se non numerosissimi) tentativi di replicare – in ogni parte del globo e in ogni tipo di salsa – il “fascino” del cult movie di Landis. Tuttavia i risultati non sono stati sempre ottimali (eccezion fatta per i tentativi di replica in stile british come quello di Hot Fuzz [id., 2007] di Edward Wright), relegando la commedia demenziale in film-fotocopia, ridondanti di cattivo gusto e di humour forzato incapace per davvero di far ridere di gusto.

Nov 052015
 
Nausicaä della valle del vento

Non è un caso, quindi, che all’interno del film di Miyazaki convivono e si ritrovano due anime: quella poetica, che si nutre di un mondo fantastico al di fuori del tempo e dallo spazio e quella che si “ciba” del mondo reale, in preda al disordine più totale

Sep 292014
 
Frankenweenie

In “Frankenweenie” possiamo ritrovare le stesse ambientazioni gotiche che Burton utilizza nella maggior parte dei suoi film – per citarne qualcuno “Edward mani di forbice” e “Big Fish” – e decide di utilizzare il bianco e nero in tutta la pellicola per enfatizzare l’ambientazione e la storia, per rendere il tutto più ‘dark’, fatta eccezione del titolo iniziale che al contrario è di un verde vivido.

Sep 102014
 
Pulce non c’è

Tratta dal bel romanzo autobiografico di Gaia Rayneri, quest’opera prima di Giuseppe Bonito, già passata con successo nella rassegna “Alice nella Città” nell’ultimo Roma Film Festival, ricevendone il premio speciale della Giuria, ma presentata anche in numerosi festival internazionali, ottenendo notevoli riconoscimenti, colpisce per la sua profondità e capacità di introspezione psicologica

Sep 042014
 
Simonetti's Goblin: ARGENTO… DAL VIVO

Serata estiva romana dal sapore cult, quella tenutasi alla Città dell’Altra Economia (ex Villaggio Globale), alle porte di Testaccio e della movida notturna capitolina. L’evento in questione è, per certi versi, imperdibile: proiezione pubblica di Profondo Rosso con commento musicale dei Goblin… dal vivo! Per dirla tutta, i Goblin in realtà sono rappresentati dal solo Claudio Simonetti, unico membro originario oggi accompagnato dai Daemonia, alfieri della svolta dark-metal intrapresa dal tastierista da un decennio a questa parte.