Nov 042009
 

Into Paradiso, regia di Paola Randi.

E’ una commedia di costume ma con molti scampoli surreali, quasi a voler dire che la realtà contemporanea vissuta in certi contesti, che poi non sono poi così distanti dalla vita di tutti noi, diventa per forza surreale. Senza qualche flash di grottesco non si poteva descrivere la vicenda che capita ai protagonisti i quali, tutti e tre, dalle STELLE rovinano più o meno precipitosamente alle STALLE.
Leggi tutto l’articolo e l’intervista a Peppe Servillo




Il discorso del re, regia di Tom Hooper

Premiata al Toronto International Film Festival nonchè titolare di dodici nomination agli Academy Award, quest’opera testimonia lo stato di buona salute del cinema inglese.
Vi si racconta la storia incredibile del mite Duca di York, affetto da grave balbuzie…
Leggi tutto l’articolo



Le pellicole della settimana: 7-13 febbraio 2011

La donna che canta, di Denis Villeneuve
Verità molto pesanti, storie da capire e persone lontanissime, nel tempo e nello spazio, da ritrovare. Seguendo questa figlia che sente di dover scoprire il misterioso passato della madre ci troviamo nel mezzo della guerra civile in Libano degli anni tra il 1975 e il ‘90.
Leggi tutto l’articolo






La Versione di Barney, regia di Richard J. Lewis.

Produttore televisivo di orribili programmi di successo, arrivato oltre i sessant’anni, Barney fa un bilancio della propria incredibile vita, costellata di eccessi, emozioni ed avvenimenti imprevisti, traendo lo spunto dalla pubblicazione di un libro che lo accusa della morte del suo miglior amico…
Leggi tutto l’articolo




La pellicola della settimana: 12-19 gennaio 2011

Hereafter, regia di Clint Eastwood.
Con un coraggio ed un piglio davvero sorprendenti Clint Eastwood accetta una sfida particolarmente insidiosa e ne esce per l’ennesima volta vincente: affrontare un tema rischioso come quello del soprannaturale senza mai scadere nel banale, nel grossolano new age…
Leggi tutto l’articolo

La pellicola della settimana: 24-31 dicembre 2010


La bellezza del somaro, regia di Sergio Castellitto


Eppure la carne al fuoco sarebbe stata anche gustosa e saporita: il rifiuto della vecchiaia, l’educazione troppo permissivista dei nostri figli, l’immaturità dei genitori che costringe i figli a fare gli adulti al loro posto.
Purtroppo però la somma non fa il totale e non sono solo i buoni ingredienti a rendere gustosa e riuscita la torta.
Leggi tutto l’articolo

La pellicola della settimana: 29 novembre – 5 dicembre 2010

Io sono con te, regia di Guido Chiesa

Il sorriso di Maria, interpretata dall’incredibile Nadia Khlifi, attrice non professionista per la prima volta – forse l’ultima? – davanti a una macchina da presa, è l’incarnazione sottile e struggente della madre buona che ognuno di noi ha desiderato e desidera ancora.
Leggi tutto l’articolo




La pellicola della settimana: 22-28 novembre 2010

ma che Storia…, regia di Gianfranco Pannone
Si tratta di un’opera di montaggio di moltissime immagini e filmati d’epoca forniti dall’Archivio Storico dell’Istituto Luce (che è anche produttore e distributore sotto la veste di Cinecittà Luce) in gran parte cinegiornali e altri filmati d’epoca originali montati e commentati da voci fuori campo…

Leggi tutto l’articolo


Le pellicole della settimana: 27 ottobre – 2 novembre 2010

Passione, regia di John Turturro
L’idea di girare questo film è nata dal desiderio dell’attore e regista italoamericano John Turturro, come da lui stesso dichiarato, di conoscere e raccontare il modo di vivere e di esternare sentimenti e passioni (da cui il titolo del film) del popolo napoletano attraverso la musica e le canzoni.
Leggi tutto l’articolo





Mammuth, regia di Benoît Delépine e Gustave Kervern
Da un punto di vista stilistico il film è molto particolare. Girato con una 8 millimetri rende tutte le immagini come appartenenti ad un’altra epoca, e a detta degli stessi autori, era questo il solo modo per rendere la bellezza del bianco e nero pur usando i colori! Inoltre non c’è sceneggiatura e di questo ci si rende conto sin dai primi minuti, così come dell’aver affidato tantissime scene a dei non-attori.
Leggi tutto l’articolo



La pellicola della settimana: 21-27 ottobre 2010

GORBACIOf regia di Stefano Incerti
Soggetto e sceneggiatura, seppur non originalissimi, sono azzeccati; apprezzabile anche l’operazione di sottrazione ed asciugamento del tessuto narrativo da eccessi di dialogo ed azione. Tutto viene ridotto all’essenziale e si lascia che a ‘fare’ il film sia il linguaggio del corpo di un monumentale Servillo insieme ad un efficace montaggio (basti pensare all’interessante contrapposizione tra occhiaie ed occhi a mandorla del finale).
Leggi tutto l’articolo





La pellicola della settimana: 6-12 ottobre 2010

Inception, regia di Christopher Nolan.
Il film è estremamente complesso, ben girato, con ottime interpretazioni. È molto accurato per quel che riguarda la leggi fisico/matematiche ma si allontana dalla rigorosità con eleganza alla bisogna, per impedire che ne risenta la scioltezza della sceneggiatura. Bello l’ omaggio al grande matematico Penrose…
Leggi tutto l’articolo






La pellicola del mese: Settembre 2010


20 sigarette, regia di Aureliano Amadei
Senza sentimentalismi, senza retorica e senza cambiare le sue idee, l’esperienza di Aureliano gli fornisce una chiave solo umana di lettura del mondo, ed è da questa che nasce la spinta del film, la sua forza. Si ride e si piange, ma il coinvolgimento resta pulito, antiretorico, autentico.
Leggi tutto l’articolo



La pellicola del mese: Agosto 2010

Fratellanza – Brotherhood, regia di Nicolo Donato

Il film è ben costruito, le sequenze sono tipiche di certo cinema underground, volutamente spoglie, dai colori quasi sbiaditi: avvince non tanto per la storia d’amore tra i due gay, nata nel contesto più ostile che possa esistere, quanto per la sistematica descrizione della mentalità, degli atteggiamenti, delle ritualità del gruppo di militanti, inclini alla violenza…Leggi tutto l’articolo





La pellicola della settimana: 7-14 Luglio 2010


Bright Star, regia di Jane Campion
La pellicola della regista neozelandese rappresenta nel contempo la storia degli ultimi anni di vita di John Keats, ambientata a partire dal 1818 nella Londra puritana descritta con tono asciutto ma appassionato ed il suo rapporto d’amore con la donna, che dapprima diffidente anche nei confronti della letteratura e la poesia, si lascia man mano conquistare dalle lezioni di letteratura del giovane poeta…
Leggi tutto l’articolo


La pellicola della settimana: 13-19 giugno 2010

The Road, regia di John Hillcoat
E’ il ribaltamento della civiltà nel suo contrario, il rovesciamento del cinema della Frontiera di fordiana memoria: più che ad un tragico Road Movie, assistiamo ad un “Horror epico e lirico”, come l’ha definito il regista Hillcoat, una specie di western della paura. Leggi tutto l’articolo


La pellicola della settimana: 13-19 Maggio 2010

Cosavogliodipiù, regia di Silvio Soldini
Contrariamente all’enfasi un po’ ingenua di un Muccino, che spettacolarizza i sentimenti, gli abbandoni, i ritorni, quasi in forma melodrammatica, Soldini utilizza una cifra stilistica quasi neorealistica, sotto tono, ma appassionante e febbrile, insistendo sui primi piani, muovendo nervosamente la macchina da presa, che sfuma volutamente gli sfondi per concentrarsi sulle espressioni e la gestualità dei personaggi.
Leggi tutto l’articolo




La pellicola della settimana: 5-11 maggio 2010




Agorà, regia di Alejandro Amenàbar
Amenabar ci racconta La fine della civiltà (siamo all’ultimo secolo di un Impero Romano in disfacimento), con una ricostruzione storica molto corretta. Ci descrive la fine della tolleranza multietnica e religiosa ma anche la fine della libera filosofia e di tutti quelle dissertazioni che tentavano di dare spiegazione ai meccanismi dell’Universo. Chi spera di trovare nel film l’Amenabar con lo spessore de “Il Mare Dentro” oppure l’incredibile montaggio de “The Others” resterà molto deluso. Leggi tutto l’articolo





Le pellicole della settimana: 28 aprile – 4 maggio 2010



L’uomo nell’Ombra, regia di Roman Polanski
Tratto dal romanzo di Robert Harris, ex ghost writer a sua volta e che ha anche collaborato alla sceneggiatura, questo bellissimo film, vincitore dell’Orso d’Argento al Festival di Berlino, è un chiaro rimando alle atmosfere hitchcockiane delle quali il cinema di Roman Polanski (e quello moderno in generale) è da sempre influenzato. Leggi tutto l’articolo





Basilicata coast to coast, regia di Rocco Papaleo
E poi c’è il tema del viaggio – come molti film americani – ma rivisitato all’italiana, un viaggio che offrirà una sorpresa nel finale…Le storie dei personaggi ci vengono rivelate da loro stessi man mano che l’allegra combriccola si immerge nelle montagne lucane con suoi i paesini arroccati, così desolati e magici insieme.
Leggi tutto l’articolo




Le pellicole della settimana: 6-12 aprile 2010



Sul Mare, regia di Alessandro D’Alatri
Dal breve ma intenso incontro di questi due mondi scocca la scintilla amorosa e tutti noi almeno per un attimo ci lasciamo cullare dalle onde del loro sentimento che inevitalmente si infrangono su una realtà, quella delle cosiddette morti bianche, ancor più inaccettabile proprio perchè annunciata. D’Alatri sceglie l’autoproduzione a basso costo, in digitale, e vince la sua scommessa…Leggi tutto l’articolo





Happy Family, regia di Gabriele Salvatores
Il film, accompagnato per intero dalle canzoni di Simon & Garfunkel, strizza l’occhio ad un pubblico maturo, e rappresenta solamente una gradevole operina, durante la quale si ride simpaticamente a più riprese dei personaggi e della loro goffa vitalità; ha però atmosfere ed immagini insolite, soprattutto nella breve parte in bianco e nero, che racconta la vita di Milano di notte, ed è costruito su dialoghi per niente banali. Il lieto fine non disturba affatto la riuscita della pellicola… Leggi tutto l’articolo





Le pellicole della settimana:14- 20 Marzo 2010

Shutter Island, regia di Martin Scorsese
Tratto dal romanzo di Dennis Lehane, cui il cinema ha già attinto con Mystic River e Gone baby gone, questo thriller dalle atmosfere gotiche che, per stessa ammissione del regista, si ispira al cinema manierista tedesco dei primi anni ’50, esce dalle solite corde di Scorsese ma allo stesso tempo conserva molte caratteristiche del suo lavoro. Egli non cerca di catturare lo spettatore con il thriller fine a se stesso, piuttosto l’intento sembra quello di metterlo costantemente di fronte all’orrore e alla follia… Leggi tutto l’articolo






Invictus, regia di Clint Eastwood
Eastwood racconta con toni realistici e solenni quell’epica gara, la partecipazione emotiva del pubblico bianco e nero, che miracolosamente si ritrova unito, sino al trionfo finale, che sancisce la ritrovata unità della Nazione. Il film è certamente un po’ didascalico e sorvola sul fatto che nel 1995, anno della Coppa, ci fu serio rischio di guerra civile tra bianchi e neri. Il miracolo di Mandela fu di scongiurare tale rischio. Sono estremamente suggestive le scene che descrivono gli allenamenti della squadra… Leggi tutto l’articolo





Le pellicole della settimana:21- 27 febbraio 2010

La prima cosa bella, regia di Paolo Virzì
L’ultimo film di Virzì ci porta ad una riflessione delicata e intensa sui rapporti umani, sulla famiglia, su noi stessi, sul prima e sul poi. È capace di condurci per mano a ripercorrere i nostri passi, ora con nostalgia ora con dolore, prima a ritroso e poi in avanti, fino a fare i conti col nostro passato prossimo e con le aspettative mai realizzate forse per colpa nostra, forse di qualcun altro, ma non certo dei nostri genitori dai quali possiamo trarre insegnamento volendo (o avendo voluto) anche e soprattutto dai loro errori. Leggi tutto l’articolo




Tra le nuvole, regia di Jason Reitman
Aldilà della strepitosa prestazione di George Clooney, la migliore da anni, il valore del film, realizzato con toni da commedia amara, risiede nello sguardo lucido sulla crisi economica e sociale di questi anni; il regista si è avvalso della collaborazione di lavoratori che effettivamente avevano perso recentemente il lavoro, e la loro breve apparizione è spesso lacerante. Si fa cenno anche ad un doloroso suicidio, che sarà causa di crisi ed abbandono professionale da parte di Nathalie.
Leggi tutto l’articolo



Le pellicole della settimana: 9-15 febbraio 2010

Il concerto, Regia di Radu Mihaileanu
Il film è davvero interessante e ci fornisce spunti di riflessione a trecentosessanta gradi descrivendo con occhio sarcastico le molte contraddizioni delle vite attuali dei cittadini dell’ex Unione Sovietica che, ad esempio, organizzano delle posticce manifestazioni di consenso al Partito Comunista sulla Piazza Rossa utilizzando in realtà comparse appositamente pagate per millantarsi sostenitori accaniti, o si dedicano con sfrenato piglio ebraico al commercio di telefonini russi a prezzi stracciati non appena messo piede a Parigi, o vivono un alquanto ridicolo complesso di superiorità nei confronti dei Francesi che ricambiano con un atteggiamento altrettanto spocchioso di amore/odio.
Leggi tutto l’articolo

L’uomo che verrà, regia di Giorgio Diritti
Presentato al festival del Cinema di Roma, è l’impegnativa opera seconda del regista Giorgio Diritti, dopo l’esordio con il piccolo capolavoro “Il vento fa il suo giro”.
La vicenda si svolge durante la seconda guerra mondiale e vede coinvolta la comunità di un villaggio contadino dell’Emilia Romagna. Culminerà con una strage, una delle tante perpetrate per rappresaglia dai nazisti ai danni della popolazione civile, dove verranno uccisi vecchi, donne e bambini che si erano rifugiati in chiesa sperando di trovare scampo in un luogo sacro.Leggi tutto l’articolo

Le pellicole della settimana:1 – 8 febbraio

Avatar, regia di James Cameron
Nonostante il limite della storia, che è praticamente una versione di Pocahontas con i puffi nello spazio, la prima cosa che vorrei dire è che mi sono divertito: è stata l’esperienza più verosimilmente extraterrestre che abbia mai fatto nella vita, ed essendo uno dei miei più grandi desideri di sempre quello di andare su altri pianeti, ammetto che il mio giudizio è di parte. C’è comunque qualcosa che non torna…
Leggi tutto l’articolo


Soul Kitchen, regia di Fatih Akin
Prendete la giusta dose di amore, passione, tradimento, sesso, musica, sfortuna, invidia, amicizia e fatalità ed otterrete tutti gli ingredienti che compongono la ricetta di Soul Kitchen, commedia brillante e melting pot di generi, a firma del regista turco-tedesco Fatih Akin, già apprezzato autore dell’intenso “La sposa turca” e del documentario musicale “Crossing the bridge”. Leggi tutto l’articolo



Le pellicole della settimana:24 – 31 dicembre 2009

Brothers, regia di Jim Sheridan
locandina-brothers
New Mexico, fine 2007: pochi giorni prima di ripartire per l’Afghanistan il capitano dei marines Sam Cahill, felicemente sposato con Grace, l’amore del liceo nonché madre delle sue due bambine, va a prendere il fratello, lo scavezzacollo Tommy, in uscita dal carcere in libertà condizionata. Sam riparte per il fronte… Leggi tutto l’articolo


Il mio amico Eric (Looking for Eric), regia di Ken Loach
eric In un contesto di isolamento auto-inflitto, Eric sembra trovare conforto solo al cospetto della sua passata fede calcistica, incarnata nella figura del controverso e idolatrato campione del Manchester United Eric Cantona, che campeggia nella sua stanza da letto in un poster formato reale e col quale il nostro Eric, a mò di valvola di sfogo, imbastisce svariati monologhi. Finché una sera… Leggi tutto l’articolo



Le pellicole della settimana: 23-30 Novembre 2009

Nemico Pubblico (Public Enemies), regia di Michael Mann
nemicopubblico Tratta dall’omonimo romanzo di Bryan Burrough, Michael Mann ci consegna questa pellicola dove, fondendo stili di ripresa ora frenetici e sfuggenti, ora statici e indugianti, con una splendida fotografia, una raffinata quanto suggestiva colonna sonora ed un’impeccabile ricostruzione curata nei minimi dettagli, passa ad illustrare situazioni a tratti con atmosfere raffinate alla De Palma, per poi virare repentinamente a violenze choc alla Scorsese. Leggi tutto l’articolo


Il nastro bianco (Das Weisse Band), regia di Michael Haneke
Il Nastro Bianco La scelta di girare in bianco e nero (che rimanda alla prima serie di “Heimat” di Edgar Reitz) è molto appropriata perché, citando il regista Wim Wenders, “il mondo è a colori ma il bianco e nero è più realistico”. Il film, ben diretto e bene interpretato, ha un impatto credibile reso molto bene anche grazie alla notevole prova dei bambini, che ricoprono un ruolo importante nella storia. Il nastro bianco, da cui il titolo del film, veniva imposto ai ragazzi ritenuti colpevoli di aver commesso peccato… Leggi tutto l’articolo


Le pellicole della settimana:15-21 novembre 2009

locandina parnassus Parnassus, regia di Terry Gilliam
Il film in effetti è una vera e propria allegoria sulla difficoltà ad adattarsi ad una realtà che non appartiene al protagonista (l’autore stesso?), rappresentato da Ledger che come afferma Gilliam stesso è un personaggio liberamente ispirato a Tony Blair, e la società che lo circonda, che priva l’uomo di ogni fantasia. La cinica modernità che non crede per niente a quello che il vecchio va dicendo ma ne capisce e tenta di sfruttarne il suo potenziale economico. L’uomo che finisce per essere costretto a scendere a determinati compromessi, in questo caso con Mr Nick il diavolo, ma i risultati che si ottengono non sono sempre quelli sperati. Leggi tutto l’articolo


locandina abbracci Gli abbracci spezzati, regia di Pedro Almodóvar
Un thriller, un film nel film, un melodramma in flashback, un nuovo monumento alla Donna, un altro labirinto di passioni nel quale perdersi: il nuovo film del sempre grande regista spagnolo vuole essere po’ di tutte queste cose, senza però riuscire fino in fondo a convincere. Vorrebbe essere il suo 8 e 1/2 senza le visioni oniriche di Fellini, ci porta in atmosfere ed ambientazioni alla Brian De Palma, senza la tensione e le sue acrobazie cinematografiche, potrebbe semplicemente essere un nuovo film di Almodóvar… Leggi tutto l’articolo.

Le pellicole della settimana:01-07 novembre 2009

basta-che-funzioni Basta che funzioni, regia di Woody Allen È una perla questo film di Woody Allen, nato da un riadattamento di un copione di 30 anni fa e impostato nel genere a lui più consono, quella “commedia in tono minore” che diverte e fa pensare allo stesso tempo. D’altronde il regista, dopo l’excursus europeo, torna a parlare dei temi a lui più cari nel luogo più congegnale, la sua Manhattan che tanto ama. E lo fa per bocca di un alter-ego, il bravissimo attore teatrale e televisivo Larry David, più aggressivo ed eccessivo di Allen ma veramente irresistibile (e paradossalmente più simpatico). Leggi tutto l’articolo


locandina Stratos La voce Stratos, regia di di Luciano D’Onofrio e Monica Affatato. La grande abilità di Stratos fu quella di riuscire ad emergere in un progetto musicale che non era stato pensato per un cantante, trasformando la sua incredibile e particolare estensione vocale in uno strumento unico che si integrava con gli altri musicisti nella creazione di un mèlange unico di jazz, rock, musica balcanica, sperimentazione ed impegno politico. Sono gli anni infatti di Luglio Agosto Settembre (nero), dedicata al popolo palestinese, vero inno generazionale, di Gioia e Rivoluzione…Leggi tutto l’articolo

  One Response to “Le pellicole della settimana: 16-23 febbraio 2011”

  1. [...] medaglietta di San Giuda – protettore dei poliziotti e delle cause perse – insieme alla chiave …Le pellicole della settimana:9- 15 febbraio Slowcult… prezzi stracciati non appena messo piede a Parigi, o vivono un alquanto ridicolo complesso di [...]

 Leave a Reply

(required)

(required)

*


You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>