Jul 132009
 

Roma, Villa Ada, 6 luglio 2009

★★★★★

Non posso che iniziare questo live report con una poesia che tempo addietro dedicai a lei: Patricia Lee Smith.
La scrissi di getto dopo aver visto il Patti Smith Group all’ Auditorium di Roma, un live come al solito intenso, straziante e potente come ben pochi….

Patti Smith Blues

PAROLE COME LINGUE DI FUOCO
VERSO OCCHI APERTI COME STELLE BRILLANTI
MADRE FERITA, MADRE RITROVATA
COMPAGNA NOTTURNA E DISTORTA
SANGUINANTE E TESA
PIENA DI AMORE
PIENA DI SDEGNO
PETALO INDIANO
VERSO L’EUROPA
POLVERE DEL SOGNO AMERICANO
INVECCHIATO E STANCO
FENICE PUNK
CHE INVESTI I TUOI FIGLI
CHE TOGLI LE VESTI
PER AMPLESSI BRUCIANTI
BLUES E PREGHIERA
POTENZA E MISTERO
CANNIBALI D’ESTATE
CHE SI RIFLETTONO IN TE
FENICE PUNK
SELVAGGIA E MATERNA
LETTERE SONICHE
COLTRANE NELL’ANIMA
L’AMORE SUPREMO
E’ IPNOSI SUPREMA
SENZA RITORNO

E anche questo concerto è stata ipnosi suprema dalla quale non voler tornare….un viaggio tra vita e morte (l’omaggio a Jacko di “Beneath the Southern Cross”), una ferocia punk sparata sulla folla anche in versione acustica, senza pile di ampli, ma punk è anche un pianoforte a coda delicatamente suonato da sua figlia Jesse, punk è Patti che prende per mano il pubblico e lo fa danzare lentamente (“Ghostdance”) per poi aizzarlo con “People Have the power” un invito a prendere in mano le nostre vite senza paure, e punk è il suo omaggio a Roma, delicato e avvolgente con riferimenti agli amati Shelley e Keats. L’invito di Patti è di fare quello che ci sentiamo di fare, dunque anche di alzarci dalle sedie, mandando il tilt la security che sta sotto il palco.
Tutti i brani sono riarrangiati per 2 chitarre e piano, ma la loro forza è intatta e Patti ci prende per mano, sempre salutandoci e sorridendo a noi suoi devoti discepoli che credono nel rock come way of life e testimone del tempo nel quale viviamo. Questo è ben evidente nella straziante “Wing” dedicata da Patti a Roberto Saviano. Ma nella set list non può mancare l’epoca di “Horses” con il delicato reggae di “Redondo Beach”, il primo singolo “Pissing in a river”, “Dancing Barefoot” l’inno “Because the night”, e una bellissima “Kimberly”. Ormai Villa Ada è conquistata, “Gloria” è una celebrazione, Lenny Kaye è infuocato, Patti è sul bordo del palco, ci saluta ancora, ma è tempo di andare con un bel mazzo di fiori e tanta musica ancora che aleggia nell’aria, la musica punk e senza tempo di Mrs Patricia Lee Smith. (E per favore Patti non Patty !)

Recensione di Fabrizio Fontanelli
Foto di Magister

Guarda la galleria fotografica di Roma
di Alberobello

  2 Responses to “Patti Smith: Her name is P-A-T-T-I”

  1. Bello, straziante e potente anche il tuo omaggio!
    Complimenti, bravo.

  2. Emozionante anche dal lato “portoghese” della villa, e per i messaggi carichi di suggestione non ci sono separazioni (in questo caso il laghetto) che possano smorzarne i toni.

 Leave a Reply

(required)

(required)

*


You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>