slowcult

slowcult

Jan 262017
 
Silence

Puntualizziamo subito che questo film non è per tutti. Sicuramente non è per uno spettatore sbrigativo o alla ricerca di una visione spettacolare e dinamica (alla Mel Gibson per intenderci). Piuttosto è un film che induce alla riflessione e quindi si avvale di tempi dilatati, quasi al limite della sopportazione, quale condizione necessaria per essere interiorizzato e successivamente elaborato. È un lavoro a lento rilascio che richiede uno sforzo enorme allo spettatore.

Jan 122017
 
Milano, via Padova

Ed adesso è la volta del lungometraggio “Milano, via Padova”, girato nel 2011 e rilasciato da poco, seppur in un circuito (ed in un cinema) indipendente. È un Rezza inedito, che sceglie un argomento di attualità (mentre generalmente, sia nel cinema che nel teatro, i suoi temi non si riferiscono a periodi particolari), ovvero il razzismo degli italiani nei confronti degli immigrati.

Dec 292016
 
Le stelle di Slowcult 2016: Migliori Film

Come da tradizione ormai consolidata, la redazione di Slowcult saluta l’arrivo del nuovo anno con un resoconto delle migliori uscite dell’anno che mai come stavolta siamo lieti che si stia chiudendo, per le categorie Cinema, Album Musicali, Concerti e Letteratura. Buon 2017!

Dec 062016
 
Sully

è proprio il fervido ricordo degli attacchi al World Trade Center, vivo e vibrante nella New York che fa da sfondo alle vicende, che rende Sully una pellicola altamente emotiva la quale, diversamente dalle accuse di propaganda e retorica mosse negli ultimi anni all’Eastwood regista, mette in luce senza stucchevolezza o patetismi melensi il lato umano e altruista degli Stati Uniti